Quattro ore di lotta in Liguria. La prima finale è del Bubbio

In serie A Cristian Gatto è il quarto semifinalista

A Pieve di Teco vittoria per 11-9, ora il titolo di C1 è a un passo

Bubbio crede sempre più nel titolo di C1 da far suo dopo la conquista della Coppa Italia di pallapugno. 

Buona la prima nell'andata della finale a Pieve di Teco avendo la meglio dopo quasi quattro ore di scambi (11-9). Nulla è ancora deciso visto che occorre attendere il ritorno sabato pomeriggio a Monastero Bormida dove Adriano e compagni faranno gli onori di casa. Equilibrio regna sovrano per l'intero match: in avvio sono i padroni di casa ad avere in mano la partita, 3-1 e 5-3, ma gli ospiti non cedono, agganciano gli avversari a fine della frazione per poi piazzare un break nella ripresa, 8-5 e 9-6.
Potrebbe essere il colpo del ko, ma questa volta sono Molli e soci a recuperare e pareggiare 9-9. Sfida di gambe e di testa, Bubbio fa valere un po' più di esperienza per arrivare primo a quota undici. 
Equilibrio che invece non c'era stato a Cortemilia con Cristian Gatto a conquistare l'ultimo posto nella semifinali scudetto di serie A. Sabato sera Marchisio Nocciole Egea aveva superato Robino Trattori Santo Stefano Belbo (11-2) nell'ultimo spareggio per designare la quarta concorrente alla volata tricolore nonché prossima avversaria dell'Araldica Castagnole di Massimo Vacchetto.
Più facile del previsto la vittoria nello spareggio terminato in meno di due ore. Di fronte i capitani "sorprese" di stagione, in grado di giocarsi la semifinale al primo anno in A. Gatto nello sferisterio di casa ha dimostrato di essere superiore, sia in battuta che al ricaccio, e la sua squadra ha fatto vedere di avere una maggiore compattezza. Al contrario la formazione di Santo Stefano Belbo ha sbagliato troppo, è apparsa contratta e meno lucida del previsto. Primo gioco ai locali, si lotta nel secondo, alla fine chiuso in rimonta alla unica da Giribaldi. Marchisio Nocciole Egea si esalta, Robino Trattori Santo Stefano Belbo subisce il colpo e si trova sotto 4-0. La panchina ospite chiede tempo, ma non serve: 5-0 a zero con tre falli al largo di Torino ed intra di Vincenti al ricaccio con caccia sui piedi per gli avversari. Tocca poi alla formazione di casa commettere qualche errore di troppo ed arriva il primo punto di Torino (5-1) che sale subito a due alla caccia unica chiusa da una battuta del capitano santostefanese che tocca il muro in basso, si allarga e non permette a Gatto di ricacciare. Ma è solo un attimo: Cortemilia riparte a testa bassa, il tabellone al riposo segna 8-2. Nella ripresa non c'è partita, giusto un gioco ai vantaggi. 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.