Castagnole, la "vendetta" vale il primato

L'Araldica di Massimo Vacchetto supera 11-8 la Canalese di Campagno dopo tre ore di battaglia sul campo

Massimo Vacchetto consuma la vendetta e contro Bruno Campagno conquista un successo (11-8) che vale anche il solitario primato. Ora è l'Araldica Castagnole a guidare i play off della serie A di pallapugno Banca d'Alba-Moscone giunti al giro di boa. Venerdì sera record stagionale di presenze al «Gianuzzi» per assistere allo scontro per eccellenza tra le attuali regine nel post season all'ultima d'andata. «È stata una partita divisa in due fasi - l'analisi di Max Vacchetto - all'inizio il terreno era molto pesante complice l'umidità con le due squadre che non hanno spinto troppo. Ne è la prova l'accenno di crampi sul 5-4 vista la fatica patita in battuta. Bravo Campagno ad approfittare al ricaccio e meritatamente avanti. Poi bravi noi a gestire le varie fasi dell'incontro sfruttando gruppo e concentrazione. Il gioco non è stato bellissimo, nonostante i tanti scambi», conclude il capitano dell'Araldica. 

«Sapevamo che sarebbe stata dura – replica Bruno Campagno della Torfit Langhe e Roero Canalese: – ma non buttiamo via tutto quanto. Abbiamo mollato leggermente e sono errori che sai già come pagherai. Il dualismo con Massimo suscita grande interesse e richiamo, spero che in campo resista fino al fondo. Io ce la metterò tutta per essere competitivo il più possibile». 
Ultima annotazione sul pubblico anche da parte di Massimo Vacchetto: «È sempre un piacere avere una così bella cornice, anzi all'inizio quando non si spingeva molto ho proprio notato il silenzio degli spettatori, come se si aspettassero quel qualcosa in più che nella seconda parte spero si sia visto». E sulle tribune, accanto al presidente Mario Sobrino, c'era anche Claudio Manera, patron della cantina Araldica. In campo equilibrio scontato anche se l'avvio è di marca Araldica (2-0) ma la risposta della Canalese è immediata che pareggia e supera (3-2) con una intra di Campagno prima di mettere l'unica caccia del quinto gioco. 
Tenta la fuga prima l'Araldica (4-3 e 5-4) ma al riposo il tabello segna perfetta parità (5-5). Il match regala il meglio nella ripresa. Al primo gioco si arriva ancora alla unica presa dagli ospiti che di slancio salgono 7-5. Potrebbe essere la svolta ma non è così. La formazione di casa cambia assetto: Rinaldi partito da centrale torna al muro, Musto va in mezzo al campo e Prandi si piazza al largo. 
Vacchetto non cede, lotta ed arriva a pareggiare, complice anche un calo e qualche errore di troppo degli ospiti. Castagnole avanti (8-7) poi nel gioco successivo la Torfit Langhe e Roero è in vantaggio 40-30 con Campagno in battuta e caccia sui piedi. El Kara ferma il pallone, dietro la caccia secondo l'arbitro, non dal punto di vista del giocatore che protesta con il direttore Salvatore Nasca e subisce il giallo. Forse questo l'episodio decisivo, il gioco lo prende l'Araldica che sente di avere in mano la partita, forza e sale subito a 10. 
La Canalese butta in campo tutto l'orgoglio, ma non basta l'ottavo game conquistato a riaprire il confronto. In quello successivo ci pensa Musto di braccialetto a firmare il pallone che chiude la sfida dopo oltre tre ore. —
c
successivo la Torfit Langhe e Roero è in vantaggio 40-30 con Campagno in battuta e caccia sui piedi. El Kara ferma il pallone, dietro la caccia secondo l'arbitro, non dal punto di vista del giocatore che protesta con il direttore Salvatore Nasca e subisce il giallo. Forse questo l'episodio decisivo, il gioco lo prende l'Araldica che sente di avere in mano la partita, forza e sale subito a 10. 

La Canalese butta in campo tutto l'orgoglio, ma non basta l'ottavo game conquistato a riaprire il confronto. In quello successivo ci pensa Musto di braccialetto a firmare il pallone che chiude la sfida dopo oltre tre ore. 

La Castagnolese domani in campo a Cortemilia

Subito un nuovo esame attende Max Vacchetto e l'Araldica diretta da Gianni Rigo che, già lunedì (alle 21), tornerà in azione affrontando la trasferta di Cortemilia, con avversaria la Marchisio Nocciole Egea di Cristian Gatto. Il match d'apertura del girone di ritorno nei play off dopo che l'ultimo d'andata si è disputato ieri sera al «Decerchi» di Spigno con Paolo Vacchetto e l'Araldica Pro Spigno opposti proprio alla quadretta di Cortemilia, finora ancora a digiuno di punti in questa seconda fase della serie A. Tra i due impegni play off si inseriscono i play out che, oggi, vedranno tornare a giocare alla luce del sole con fischio d'inizio alle 16 nello sferisterio di San Benedetto Belbo. Qui la quadretta di casa "griffata" Tealdo Scotta Alta Langa capitanata da Davide Dutto proverà a fermare l'Alusic Acqua San Bernardo Merlese di Davide Barroero, ultima in graduatoria e già matematicamente esclusa dai primi due posti. Al contrario i locali in caso di vittoria ridurrebbero ad un solo punto il ritardo dalla coppia di testa formata da Olio Roi Imperiese e Robino Trattori Santo Stefano Belbo, con Enrico Parussa che giovedì sera al «Manzo» aveva battuto ed agganciato Gilberto Torino. Per i play out poi sarà pausa fino a fine mese visto che la seconda di ritorno (anche se si tratta della prima giornata) si disputerà solo tra 29 e 30 agosto prossimi con ultimi impegni in contemporanea mercoledì 4 settembre. Non ancora in vacanza i play off che dopo l'incontro di domani a Cortemilia martedì sera (alle 21) a Cuneo vedranno la ripresa del cammino dell'Acqua San Bernardo Spumanti Bosca di Federico Raviola (a riposo nell'ultima d'andata) che incrocerà la Torfit Langhe e Roero Canalese di Bruno Campagno. La partita più attesa mettendo di fronte la seconda e terza forza del torneo, divise in graduatoria da due sole lunghezze. 

Serie A Banca d'Alba-Moscone Play off - Quinta andata
Araldica Pro Spigno-Marchisio Nocciole Egea Cortemilia 7-11

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.