1° Memorial Silvano Rosso

TRA RICORDI ED EMOZIONI. E' SUBITO UN SUCCESSO IL PRIMO MEMORIAL SILVANO ROSSO A CALLIANETTO

Una grande emozione tornare in quel di Callianetto, il pensiero va ai tanti successi ed ai grandi eventi vissuti in quello splendido campo magnificamente illuminato. Ai tanti amici, quelli ritrovati e quelli troppo presto partiti, tra cui Silvano Rosso impareggiabile dirigente giustamente onorato con una grande serata di tamburello spettacolo basata su di grande rimpatriata di quell'epopea irripetibile frutto del talento e della passione del patron Alberto Fassio.

Prima della gara la suggestiva cerimonia di intitolazione dello sferisterio  a Silvano assumendo ora la denominazione ”campo sportivo Silvano Rosso già Prospero Dezzani “. Con la benedizione di don Piero tornato indietro nel tempo ricordando con gioia i due scudetti del Castell'Alfero SVAB di Sandro Vigna per arrivare all'indimenticabile primo scudetto del Callianetto conquistato a Bardolino nel 2002 con le campane a festa. Era solo il primo di una lunga serie (11) conclusasi nel 2013.

In campo tanti frammenti dell'incredibile vicenda sportiva del Callianetto. Tutto cominciò dalla coppia di fondocampo di A2 Beppe Bonanate ed Alberto Botteon, in mezzo Andrea Petroselli simbolo con Riccardo Dellavalle e Manuel Beltrami del periodo vincente dell'invincibile armata trovando così con formidabile intuito l'alchimia giusta per il successo. Nei bianchi i callianesi Giorgio Cavagna e Piero De Luca i primi ad aderire convinti al progetto di Fassio. Cavagna con l'ottima sintesi per definire l'egemonia vissuta "sapevo di un progetto importante poi arrivato oltre ogni più rosea previsione" si è confermato il terzino principe con chiusure di una facilità in apparenza irrisoria. E' di Piero De Luca la chiusura più spettacolare della serata ridando lustro al ruolo nobile del terzino che va ancora a cercare la palla. Alessio Basso jolly apprezzato in molte formazioni e situazioni così come Enrico Barbero, giovane locale, rivelatosi utile ai tempi dell'Under.

Nei rossi il professor Beltrami, il giocatore simbolo e maggiormente legato alla società, sempre protagonista in questa cavalcata trionfale, al suo fianco Davide Tirone il giocatore della seconda squadra con la trafila dei successi di C, di B fino ad arrivare alla massima serie così da dare l'opportunità a più giocatori di crescere e maturare. In mezzo e poi alla rimessa lunga Samuel Valle testimonial con Yohan Pierron del secondo periodo con un rinnovamento generazionale per ridare stimoli e ripagati da un triennio ancora al vertice. Immancabile Saverio Bottero il sesto più vincente di tutti i tempi. Davanti il polivalente Enrico Berruti anche lui callianese della prima ora, Mirko Rosso il figlio di Silvano memoria storica e parte integrante nel primo periodo di crescita e consolidamento, Gianni Maccario praticante nelle serie minori poi trasformatosi in tecnico di vaglia per lanciare giovani ora rivelatisi di qualità.

Questa suggestiva serata di aggregazione e di tamburello in onore di Silvano Rosso verso il quale ha dedicato enorme passione e grandi capacità, vista la benevola accoglienza è destinata a ritagliarsi un ruolo importante diventando uno di quegli eventi irrinunciabili e di primaria importanza.

Il ricavato della serata verrà devoluto in beneficenza all'Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro di Candiolo (TO).

GIAN - DUJA 9-8  (partita spettacolo a tempo 90 minuti campo tradizionale senza zona morta)

GIAN (maglia rossa): Manuel Beltrami, Davide Tirone, Samuel Valle, Enrico Berruti, Mirko Rosso, Saverio Bottero, Gianni Maccario. D.t. Stefania Mogliotti

DUJA (maglia bianca): Beppe Bonanate, Alberto Botteon, Andrea Petroselli, Giorgio Cavagna, Piero De Luca, Alessio Basso, Enrico Barbero. D.t. Quinto Leonardi

arbitro Filippo Carlevaro con Tullio Cotti e Adriano Borgnino (1-2, 4-2, 6-3, 8-4, 9-6, 9-8)

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.