Serie A e B: poker di squadre bergamasche per la stagione della rinascita

 
Bergamo: Serie A e Serie B.
 
Poker di squadre per la stagione della rinascita. 
 
Sabato il via. Si riparte dopo un anno di stop per il Covid: problemi e rigidi controlli, ma anche tanta passione. Quattro le bergamasche: Arcene nella massima categoria. Bonate Sopra, Castelli Calepio e Ciserano fra i cadetti.  
(Bruno Gamba) – Il tamburello delle serie A e B maschili si rimette in moto. Nonostante l’emergenza coronavirus stia ancora mettendo a dura prova quelle che erano le nostre certezze quotidiane - e dopo un 2020 in cui non si sono disputati i campionati - le squadre delle due serie maggiori nazionali dal prossimo fine settimana ritorneranno ufficialmente a calcare la terra battuta dei campi di gioco per il primo dei 22 turni di gare previsti quest’anno.
Lo faranno con tutte le precauzioni che richiede questo momento difficile, effettuando i tamponi ai giocatori nei tre giorni precedenti ogni partita, permettendo l’accesso allo sferisterio solamente ai componenti iscritti nella distinta (atleti, tecnici e dirigenti), alle persone ufficialmente accreditate (arbitri, stampa, fotografi….) attenendosi a una serie di disposizioni sanitarie utili a garantire il corretto rispetto del protocollo emanato dalla Federtamburello. Un sacrifico organizzativo ed economico supplementare per tutte le società, ma inevitabile per iniziare a ritrovare un po’ di normalità dopo un anno vissuto lontano dai campi di gioco.
    Quattro sono le squadre bergamasche che si schiereranno al via: l’Arcene in  serie A; Bonate Sopra, Castelli Calepio e Ciserano nella categoria cadetta.
 
SERIE A - Per l’Arcene si tratta del secondo campionato consecutivo nella massima categoria.  Quello del 2019 l’ha chiuso con un ottimo quarto posto che la società biancazzurra spera di migliorare con una squadra modificata di tre titolari nel quintetto base e una struttura tecnica nuova rispetto a due anni fa.  A dirigere la formazione in panchina non ci sarà Diego Gatti, nominato direttore sportivo, ma Alessandro Locatelli (ex Ciserano) con il contributo di Stefania Mogliotti (ex mental coach del Cavaion).  I nuovi giocatori sono: il mezzovolo Davide Gozzelino (ex Solferino) e i terzini Samuele Guerra (ex Cavrianese) e Paolo Festino (ex Ciserano); i riconfermati sono: Enrico Bertagna, Christian Gatti, Lorenzo Bertagna, Fabio Olivari. Un rinnovamento, deciso dalla dirigenza dopo un’attenta analisi.«Abbiamo voluto investire su giovani di sicuro valore e in qualche giocatore d’esperienza con sforzi economici commisurati all’obiettivo finale spiega Corrado Gatti, il presidente - Lo scopo è quello di disputare un campionato all’altezza di due anni fa. Se miglioreremo o se confermeremo il 4° posto, vorrà dire che siamo stati bravi nelle scelte».
L’obiettivo è alla portata della squadra viste le comprovate capacità dei giocatori e dei tecnici. A complicare un po’ la preparazione al campionato c’è stato il divieto di disputare gli abituali tornei di inizio stagione, imposto dalle limitazioni per contenere la  pandemia. «Abbiamo annullato alcuni test importati quali sono i tornei precampionato, ma questo non ha vietato alla squadra di svolgere regolarmente gli  allenamenti. Nelle poche amichevoli disputate l’ho vista esprimere del buon gioco e questo mi garantisce che ci presenteremo al via con la giusta mentalità e voglia di fare».
     L’esordio in campionato (domenica 11 aprile) lo sosterrà in casa con gli ex tricolori del Cavaion.  
 
SERIE B – Anche le tre squadre della serie B presentano novità negli organici rispetto al 2019. Diversi sono gli obiettivi.
Tre sono i nuovi giocatori del Bonate Sopra: il fondocampista Leone Medici (ex Castelli Calepio), il mezzovolo Umberto Pastrone con un passato all’astigiana Rilate e il terzino Cristian Galvan in arrivo dal Bonate Sotto. Il resto della rosa è composto: Federico Tanino, Daniel Medici, Giancarlo Terranova e Giovanni Franzoni. A guidare la squadra sarà il riconfermato Angelo Cattaneo.   «Abbiamo operato al meglio delle possibilità sul mercato - chiosa il presidente Ennio Cisana – Alcuni giocatori sono giovani, altri meno, ma tutti con ottime capacità e da loro ci attendiamo un campionato di un buon livello. Tre anni fa ci siamo presi una grande soddisfazione vincendo la Coppa Italia, quest’anno miriamo a essere protagonisti anche in campionato e per protagonisti intendo lottare per i primi posti nella classifica».
     Ben quattro i volti nuovi del Castelli Calepio allenato dal riconfermato Rocco Belotti: il fondocampista Enrico Camotti al rientro dal prestito al Travagliato, il terzino Andrea Agosti in arrivo dall’Arcene e i mezzovoli Mario Fanzaga e Paolo Signoroni in uscita rispettivamente dal Pontirolo e Borgosatollo. Il resto sarà composto da Matteo Locatelli, Sergio Manenti, Daniele Morotti, il giovanissimo Alessandro Salomoni e il capitano Cristian Colleoni. «Mire di promozioni non ne abbiamo - afferma il presidente Marino Belotti – Il nostro traguardo primario sarà la conferma della categoria, ma confidiamo anche di toglierci qualche soddisfazione nei quattro derby e con le squadre che mirano ai primissimi posti. Ci siamo preparati bene nonostante le difficoltà del momento e siamo pronti a fare la nostra parte».
    Solo due giocatori riconfermati dal Ciserano rispetto a due anni fa: Sergio Facchetti e Paolo Medici. I nuovi, tutti bergamaschi, sono: Filippo Volturo svincolatosi dal San Paolo d’Argon, Beppe Madona (ex Sotto il Monte) e Massimo Teli nel 2019 in forza al Cremolino, compagine alessandrina di serie A. La squadra suscita, già adesso, interesse per chi ama i pronostici e ad allenarla sarà Ezio Teli (ex Filago). «Possiamo disputare un buon campionato, è vero - conferma il presidente Flavio Ubiali - Qualcuno ci annovera tra i favoriti e questo ci lusinga, ma quello che conterà saranno i risultati. I ragazzi hanno esperienza nelle serie nazionali e questa sarà una peculiarità che dovremo esser bravi a sfruttare per incidere nella classifica. Un obiettivo che ci piacerebbe conquistare, al di la di un buon piazzamento nel campionato,  sarà la qualificazione alla fase finale della Coppa Italia».      
    La giornata d’esordio vedrà Bonate Sopra e Ciserano affrontare in esterno, sabato, rispettivamente Bardolino e Cereta, Il giorno dopo, domenica,  il Castelli Calepio in casa affronterà il Malavicina.  
 
IL PROGRAMMA - Anche quest’anno non sono previsti i playoff e i playout.  I due campionati termineranno il 26 settembre. Le prime due della serie cadetta saranno promosse in serie A da dove ne retrocederà una, come una sarà la squadra che abbandonerà la B per scendere in C.
I campionati si fermeranno nel mese di agosto per lasciare spazio alle final four della Coppa Italia di entrambe le serie che saranno procedute da una fase di qualificazione a cui parteciperanno le prime sei squadre classificate alla fine del girone d’andata.
Le prime due accederanno direttamente alla semifinali delle final four, mentre quelle classificate dalla terza alla sesta posizione, mercoledì 23 giugno disputeranno un “incontro secco” in casa della meglio piazzata in classifica con questi abbinamenti: 3.a-6.a; 4.a-5.a. Le vincenti accederanno alle semifinali.  La sede delle fasi finali non sono state ancora comunicate, come pure i campi di gioco dove saranno disputate le Supercoppe: sabato 2 ottobre quella della cadetteria e il giorno dopo, domenica 3 ottobre, quella della serie A.   
 
Nella foto: il Castelli Calepio (serie B).
 

 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.