I giovani astigiani protagonisti nelle squadre della serie A open

il terzino Filippo Martinetto approdato al Solferino

Il Cremolino unica piemontese in lizza nel massimo torneo

Il tamburello, alle prese con una effervescente «campagna elettorale» per il rinnovo di presidente e Consiglio federale Fipt, guarda già alla prossima stagione open, quella che nel 2020 non c'è stata.
Un massimo campionato che quest'anno vedrà al via undici formazioni.
Rispondono presente i campioni in carica del Castellaro con contendenti Solferino, Sommacampagna, Castiglione delle Stiviere, Ceresara, Arcene, Sabbionara, Guidizzolo, Cavaion e Tuenno.
Cremolino unica piemontese al via perché il Chiusano, protagonista dell'entusiasmante stagione 2019 culminata con una meritata salvezza, aveva dato forfait.
Problemi economici e di organico avevano indotto la società del presidente Boracco a rinunciare ad una seconda stagione in A dopo la prima storica.
Pareva che la collocazione del team chiusanese dovesse essere la serie B, sviluppando un programma con il Rilate della vicina Montechiaro in possesso dei diritti per il torneo cadetto.
La sospensione dell'attività ha però "stoppato" pure questa opzione, cancellando l'Astigiano dalla ribalta nazionale.
Non c'è stato il campionato ma c'è stato due volte mercato. Così rispetto agli organici allestiti per il campionato 2020 vanno registrati alcuni cambiamenti in vista del 2021.
Se il Castellaro ha mantenuto pressoché inalterato il proprio blocco, ha invece modificato il proprio assetto il Solferino, che si presenterà con la coppia arretrata formata dagli ex Callianetto Manuel Beltrami e Yohan Pierron.
Al centro passaggio tra giovani pieesi con Luca Marchidan mezzovolo al posto di Davide Gozzelino e, sotto cordino, la coppia Walter Derada e Filippo Martinetto. Quest'ultimo allievo del Chiusano ed in un primo momento destinato al Cremolino ma pronto ad accettare l'opportunità di sostituire il pluricampione callianese Giorgio Cavagna. La bergamasca Arcene, guidata in panchina dalla cerrese Stefania Mogliotti, ripartirà da Enrico e Lorenzo Bertagna, che avranno al loro fianco i nuovi Davide Gozzellino, Paolo Festino e Samuele Guerra.
Un occhio di riguardo al Sommacampagna, che potrà contare sui nuovi Gabriele Weber e Federico Merighi, quest'ultimo punto di forza prima del Castellaro e poi del Cavaion nelle ultime stagioni.
Prezioso l'innesto sulla linea avanzata di Stefano Previtali. Non farà più parte dell'organico Franco Zeni, in un primo tempo accasatosi al Sabbionara degli "astigiani" Riccardo Bonando ed Andrea Belluardo, ma poi passato al Bardolino in B.
In terra trentina è approdato il giovanissimo gabianese Mattia Zanotto, ex del Cinaglio con cui tutto ha conquistato nelle serie giovanili. Il Sabbionara ha perduto pure Marco Ferrera, passato come Zeni al Bardolino.
Ha fatto ritorno a Cremolino il mezzovolo Ivan Briola da Cortanze, mentre sulla linea arretrata accanto al chiusanese Daniele Ferrero giostrerà il promettente Francesco Tanino, altro ex Chiusano.
Con il passaggio di Martinetto al Solferino, nel quintetto che ritrova sulla panchina il castellalferese Antonio Surian verrà promosso titolare nel ruolo di terzino Nicolas Accomasso, con al suo fianco l'esperto Saverio Bottero.
Il Cavaion in un primo tempo pareva poter disporre di Luca Fedrighi, ex Medole, ma quest'ultimo ha optato successivamente per la Cavrianese in B.

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.