Contributi alle squadre ma il ritorno in campo è ancora un'incognita

Francesco Tanino esordì in A con la maglia del Chiusano

Confronto sul web tra federazione e società di A e B

Contributi alle società unica certezza e promessa al termine del confronto web che la Federtamburello ha avuto coi dirigenti delle società di serie A e B open.
Dei campionati nulla è ancora dato a sapere perché prima di riprendere eventualmente l'attività occorre predisporre un protocollo sanitario.
Due novità emerse dopo una due giorni di confronto. Si è partito dalle società del torneo cadetto (tra cui l'astigiana Rilate erede del Chiusano) per passare, poi, a quelle della A. Ma confronto c'è stato pure coi comitati regionali e provinciali ed i rispettivi presidenti e delegati per conoscere la situazione nelle serie minori, oltre a alle società impegnate nei tornei a muro. Sono intervenuti il presidente Edo Facchetti insieme al vice Flavio Ubiali ed al numero uno della commissione tecnica. l'astigiano Roberto Caranzano come i consiglieri Ricky Bonando ed Alessandra De Vincenzi.
«La situazione è molto difficile. Questi incontri sono utili a capire come e cosa possiamo fare per superare il momento col minor danno possibile. Mi preme far arrivare il messaggio che non siete e non sarete lasciati soli e faremo in modo, insieme al consiglio, di mettere in atto delle azioni tali da aiutare soprattutto lo sport di base e delle serie minori» le parole del presidente. Così durante il prossimo consiglio verrà predisposto un contributo economico a fondo perduto destinato a tutte le realtà che saranno in difficoltà per poter dar loro la possibilità di presentarsi nuovamente ai nastri di partenza nei rispettivi campionati anche nel 2021. «Utilizzeremo linee a tasso zero già attive e messe a disposizione dal Credito sportivo anche per le federazioni, esattamente come avviene per le piccole e medie imprese. Saranno quindi le società il principale obiettivo dei nostri sforzi - ribadisce Facchetti - senza le società, senza gli associati, non ci può essere attività per i giovani e di nessun tipo. Metteremo le condizioni perché il riavvio possa avvenire nel modo più rapido e con beneficio per tutti. Faremo fronte alle conseguenze economiche che ricadranno sulle società garantendo un futuro all'attività nella sua interezza». «Dal punto di vista sportivo ad oggi non si possono far previsioni sulla ripresa ma possiamo immaginarla differenziata. Dalla Federazione verrà stilato un protocollo sanitario di come si potrà tornare a fare attività rispettando le linee del Governo» rimarcano i consiglieri.
A tal scopo verrà istituita una commissione che lavorerà in modo da poter illustrare agli organi competenti per le valutazioni e dopo l'approvazione del consiglio, divulgarlo agli associati. Solo allora si potranno riprendere gli allenamenti. Le riunioni hanno confermato la grande incertezza sui campionati federali: sembra quasi impossibile ottemperare alle regole di sicurezza richieste. E l'eventuale attività a porte chiuse, renderebbe i campionati ancor meno interessanti.

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.