Vento giovane nel tambàss fuori e dentro la Fossa dei Leoni

a fondocampo fiducia a Marco Ferro e Francesco Patelli rientrati dl prestito col Montemagno.

Cambio della guardia e nuovo staff per la società Moncalvese. Bacchiella lascia la presidenza. Alla guida arriva Pastore, 41 anni

Moncalvo non lascia il tambàss ma punta sui giovani, in campo e nella dirigenza. L’appello lanciato dal presidente Enrico Bacchiella non è caduto nel vuoto e la recente riunione ha dato il via al nuovo corso con il direttivo ufficializzato entro fine mese, segnando il passaggio di consegne a favore di Andrea Pastore. Sarà quest’ultimo a guidare il sodalizio che conterà anche su nuovi ingressi nello staff, oltre alla conferma di altri storici dirigenti. La società ha fissato mercoledì 27 ottobre prossimo le elezioni per il rinnovo del consiglio direttivo che dovrebbe vedere quale unico candidato alla carica di presidente proprio di Pastore, 41 anni imprenditore nel settore della ristorazione, che verrà affiancato dal giovane vice Alessandro Peddone. In via di definizione tutti gli altri incarichi ma resteranno all’interno del consiglio il presidente uscente Bacchiella, che del torneo a muro del Monferrato fu a metà degli anni '70 uno dei tre padri assieme al grazzanese Adriano Fracchia ed al portacomatese Guido Ravizza. Con lui proseguiranno il generoso impegno anche Cristian Accatino, Corrado e Cristiano Tabachetti e l’uomo mercato Igor Tapparo. Tra i nuovi ingressi ci sarebbe quello di Marisa Boltri a dar spazio alle quote rosa anche nel tambàss, oltre al sostegno del macellaio Lauro Micco già sponsor vincente. «Ho sempre detto che ero pronto a farmi da parte per il bene della società ed il suo futuro. Sono molto contento di queste nuove forze che entrano con il loro entusiasmo. Starò loro vicino anche se in posizione più defilata. Essere riusciti a garantire la continuità con l’inserimento di nuovi dirigenti appassionati, era quello che avevo richiesto ed auspicavo fin dall’inizio. A loro va il mio più grande in bocca al lupo» afferma l'uscente Bacchiella. Emozionato ma determinato il candidato alla successione, Andrea Pastore: «Ho accettato perché dopo anni di sacrifici Enrico meritava di essere aiutato e non si potevano assolutamente spegnere i riflettori sul più bel campo del Piemonte. Perdere il tamburello a muro per il nostro paese sarebbe stato un colpo duro, ma senza ricambio generazionale tutto finisce in qualsiasi ambito». Pastore non si è mai dilettato con il tamburello in mano ma da sempre è un grande tifoso della «Fossa dei leoni», che fu anche campo di allenamentoquando era sbandieratore del gruppo paliofilo cittadino. Se il neo presidente è al debutto in ambito sferistico non lo è in quello di dirigente sportivo in quanto per anni è stato team manager nelle file del rugby Asti. Un passaggio di consegne ufficioso è già avvenuto sul campo in occasione della recente sfida «maschi contro femmine», coordinata con Roberto Carni, Daniele e Mimmo Basso,che tra i muri della fossa aleramica ha visto divertirsi (e chiudere in parità) i giocatori di casa e le atlete del Tigliole, vincitrici di Coppa Italia e Supercoppa nella serie A di tamburello open. 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.