Vignale mattatore in questo scampolo di stagione

L'ingresso di Luca Tibaldero tra gli sbandieratori (foto di Sergio Miglietta)

Vignale mattatore in questo scampolo di stagione

Ancora un successo per il Vignale in un torneo che valorizza ulteriormente questo suo breve scampolo della stagione 2020 penalizzata nell’interesse generale dall’abolizione dei campionati di serie A e di tutte le serie inferiori, per contenere la pandemia del Covid-19. Dopo aver vinto tre domeniche fa in condominio col Montemagno ed il Moncalvo il Torneo dei vini organizzato del Comitato per festeggiare i 45° anni del Torneo a muro domenica si è ripetuto con la formazione tipo proprio a spese del Montemagno. 16-8 il risultato di una gara mai in discussione. In semifinale ancor più netta l’affermazione per 16-5 su di un Portacomaro atipico con Emanuele Stracuzzi e Federico Arrobio. Battaglia nella seconda in notturna in cui il Montemagno ha respinto per 16-9 l’assalto dei giovani rampanti del Cinaglio rinforzati alla riga da Andrea Andrin. Buone sensazioni  in casa vignalese con un Samuel Valle motivatissimo, preciso con gran ritmo nei rinvii sotto il muro. Sarà l’uomo da battere appena perfezionerà il distacco al volo agevolato dall’intesa con i compagni di squadra Simone Maschio e Luca Tibaldero favoriti dai trascorsi a libero. Completano l’organico Stefano Scifo, Mirko Monzeglio, Davide Tibaldero, Alberto Politto  gli aggregati Beppe Vergante e Mimmo Garbagnati. Staff tecnico con Andrea Morrone, Maurizio Francia e Sergio Deevasis.

Premiata con successo l’iniziativa della società della presidentessa Annalisa Arzani di dare la possibilità di fare attività in sicurezza. Ha tempo per riflettere l’ambizioso Montemagno apparso troppo falloso e discontinuo alternando errori a giocate egregie. La presenza di Giancarlo Marostica a fianco ad Andrea Costanzo è indicativa sulla voglia di vertice della società del neo presidente Paolo Porta scesa in campo in formazione tipo con Elia Volpe, Luca Lorenzin, Riccardo Molino, Massimo Savio e Andrea Carretto.

Biancorossi vittoriosi con Riccardo Bonando nella sfida monocolore a Moncalvo per l’evento organizzato dall’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero. I padroni di casa diretti da Bruno Porrato e Andrej Mysliwiec schieravano Emanuel Monzeglio, Giacomo Raschio, Christian Tinto, Davide Soffientino, Marco Ferro e Mattia Zanotto.

Voglia di mettersi in mostra per il Portacomaro di Luca Stella. Dopo la finale in società con Calliano e Grazzano per Matteo Bertone, Luca Perotti e Mattia Musso  è arrivato il successo a Montechiaro come Rilate nel Memorial Tirico e Tirone trainati dal sempreverde Beppe Bonanate più Alessio Monzeglio e Ivan Briola.

Menzione speciale per Bruno Ceron tecnico del Cinaglio che ha sfruttato tutte le occasioni possibili per far giocare e crescere i giovani talenti come Lorenzo Tonon, Umberto e Federico Pastrone.


Torneo 45° anno: semifinali Malvasia-Bonarda 19-18, Grignolino-Barbera 19-18. finale 3° posto: Bonarda-Barbera 19-11. finale 1° posto: Malvasia- Grignolino 19-8.
 
E’ bastato un fine settimana a Vignale al tambass per riprendersi il centro della scena in questa stagione anomala che pareva destinata ad essere orfana di manifestazioni prima dell’idea originale di questo quadrangolare plasmato in talent show offrendo lo spunto di sperimentare nuove soluzioni con compagni destinati ad essere avversari dovendo trovare il meglio di tre società raggruppate insieme. 
Nei social si discute animatamente dei vari aspetti di questa grande festa per la ripartenza festeggiando i 45 anni del Torneo del Monferrato.
Alla fine ha vinto il Malvasia più di Vignale che di Casorzo sebbene sia il paese di Luca e Davide Tibaldero di cui sono apprezzati produttori. I vari Samuel Valle, Simone Maschio, Luca e Davide Tibaldero, Mirko Monzeglio, Renzo Morando più il cecchino Massimo Savio, Elia Volpe, Riccardo Molino e Andrea Carretto del Montemagno escludendo i  moncalvesi Marco Ferro e Francesco Patelli hanno tutti militato nella società della presidentessa Annalisa Arzani conoscendo bene i segreti del Cesare Porro magistralmente diretti da Andrea Morrone e Andrea Costanzo. 
Presente il presidente federale Edo Facchetti a tastare con mano la vitalità del movimento e complimentarsi con gli organizzatori chiamati a compiti aggiuntivi per accogliere il pubblico.
Questo successo conferma le sensazioni della dirigenza che quest’anno fosse l’anno buono per riportare un titolo in terra alessandrina mancante dal 2003. 
Inizio col botto venerdì sera con una partita spettacolo con cui il team poi risultato vincente ha prevalso solo all’ultimo gioco contro i big del libero diretti da Mimmo Basso con Umberto Pastrone, standing ovation al termine di una prova eccezionale, Davide Gozzelino, Luca Marchidan, Mattia Zanotto e Filippo Martinetto neo acquisto del Solferino. Il jolly Riccardo Bonando non ha sortito gli effetti sperati. “Una partita così bella non si vedeva da anni” conferma Sergio Deevasis. 
Meno pathos ma stesso esito nella seconda semifinale in cui il trio Calliano-Portacomaro e Grazzano a tinte sbiadite ferma la corsa di Montechiaro-Casa Paletti-Castell’Alfero di Federico Arrobio, Stefano  Panzini, Manuele Tirico, Davide Tirone, Guglielmo Ulla, Matteo Forno, Fausto Sappa e Iacopo Leva. In finale i ragazzi di Luca Stella coadiuvato da Piero De Luca e Paolo Berruti (Matteo Bertone, Emanuele Stracuzzi e Guolo, Luca Perotti e Soffientino, Mattia Musso, Federico Belvisotti e Pavia, Andrea Andrin e Prai) non riescono sovvertire il pronostico pur restando in scia fino al 7-5 poi l’ingresso di Maschio e Tibaldero a fianco di un maiuscolo Samuel Valle maestro di precisione mette le ali a Savio e compagni.
 
nella foto di Pier Giuseppe Bollo una fase della finalissima Malvasia-Grignolino
 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.