Il tamburello "giocato" brinda col team Malvasia

Primo torneo a Vignale dopo la pausa forzata causa Covid

Il tambass brinda con la Malvasia (ovviamente quella di Casorzo per questioni geografiche) al Torneo 45° anno che ha evitato una stagione di zero competizioni nel tamburello a muro, quando ricorreva lo speciale anniversario del Torneo del Monferrato nato nel 1976 e poi diventato campionato italiano. A "Porro" di Vignale ha vinto certamente il tamburello ma ha anche vinto la Malvasia ovvero tanto di quel Vignale che era pronto a giocare un ruolo di primo piano in una serie A che purtroppo non c'è mai stata. Nella versione "Malvasia", ovvero una selezione allargata ad atleti anche tesserati per Montemagno e Moncalvo, la squadra ha conquistato il successo nella competizione organizzata dalla Commissione storica del muro (guidata da Mimmo Basso) e Comitato regionale (presidente Roberto Gino); alla finale disputata domenica ha assistito anche il presidente Federtamburello Edoardo Facchetti. Dopo due semifinali decise sul filo dei "15" la sfida per il trofeo è stata equilibrata solamente nella prima parte (2-1 poi 3-3 e 6-3 e 7-5 con lo strappo che porta al 15-5) e match chiuso con il tabellone a segnare 19-8. Di fronte al Malvasia (coach Morrone e Costanzo) schierato con Valle, Volpe, Molino, Carretto e Davide Tibaldero (a disposizione Maschio, Luca Tibaldero, Monzeglio e Savio) c'era il Grignolino con in panchina Luca Stella e in campo Bertone, Stracuzzi, Guolo, Soffientino e Musso (a disposizione Pavia, Belvisotti, Andrin, Perotti e Prai).

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.