Grazzano vuole il “triplete”, Montemagno vincere

E nell’Open femminile Tigliole e Monale cercano la qualificazione alla finale scudetto, Piea nei playout

Grazzano vuole sfatare il tabù Supercoppa e centrare il "triplete". Montemagno regalarsi un titolo a distanza di diversi anni. Oggi (fischio d'inizio alle 15) l'avversaria di Vittorio Fracchia, Maurizio Marletto e compagni tornerà ad essere il Montemagno, già rivale nella finale scudetto- La replica sarà sull'asfalto del «Tirone» di Montechiaro. Il quintetto di coach Andrea Costanzo nutre poi la speranza di chiudere l'annata conquistando un trofeo così da dare una rispolverata alla bacheca del Montemagno, che purtroppo non si apre da troppo tempo. Supercoppa che non è finita spesso in quella del Grazzano. Infatti l'ultimo "triplete" giallonero è datato 2012 con successivo quello firmato dai rivali del Moncalvo nella loro magica stagione 2017. Peraltro il Grazzano l'ultima Supercoppa l'ha sollevata al cielo ormai sei stagioni or sono, nel 2013 a Castell'Alfero quando la strappò all'allora Tonco. Poi Grazzano uscito sconfitto nelle successive quattro sfide disputate. Peraltro le ultime due le ha giocate proprio sul muro amico di piazza Cotti da padrona di casa. Infatti lo scorso anno la vittoria andò al Vignale (già vincitore della Coppa Italia) mentre nel 2016 a festeggiare fu il Montechiaro.

Invece nel 2015 quando, si giocò proprio a Montechiaro, successo ancora appannaggio del Vignale mentre nel 2014 affermazione del Montechiaro nella "bombonera" di Castell'Alfero.

Quest'anno inoltre la Supercoppa si abbina alla prima edizione del Memorial Angelo e Beppe Tirone, per ricordare al meglio due grandi appassionati del tambass che erano di Montechiaro tanto che a Beppe, già campione e poi tecnico vincente, da alcuni anni è intitolato il campo da gioco su cui oggi si affronteranno quelle che sono state le due assolute protagoniste dell'avvincente stagione 2019 della serie A dei bastioni.

Ma il mondo del tamburello a muro non si fermerà ai 19 giochi di oggi tanto che guarda già alla prossima annata tra mercato e regolamenti.

E' una domenica decisiva per conoscere le finaliste per lo scudetto della serie A open femminile. Nel pomeriggio il ritorno delle semifinali. Impegno

interno per il Tigliole che a Castellero (alle 15) si troverà di fronte Mezzolombardo forte del successo pieno colto in gara uno, dove ha lasciato solo cinque giochi alle rivali (6-1 6-4). Sarà sufficiente conquistare un solo set per poter difendere il Tricolore nella finale di sabato prossimo al «Tirico» di Montechiaro.

All'appuntamento finale di Montechiaro vorrebbe essere presente anche il Monale il cui compito odierno risulta meno agevole, essendo atteso in Lombardia dal Dossena. Per le girls di coach Giancarlo Lanzoni c'è il vantaggio di aver conquistato la vittoria sette giorni fa in rimonta ed al tie-break. Non ultimo ma potenzialmente decisivo anche il match che attende il Piea, terzo team astigiano in corsa nella serie A categoria che dovrà difendere attraverso i play out. Oggi (alle 15) per le atlete allenate da Pietro Gozzelino primo impegno nel triangolare rendendo visita a San Paolo d'Argon.

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.