La sfida Grazzano-Vignale decide a chi va la coccarda della Coppa Italia a muro

Simone Maschio fondocampista del Vignale

ALLE 16 A TONCO LA FINALE DI COPPA ITALIA GRAZZANO - VIGNALE

La sfida tra Grazzano-Vignale aveva inaugurato la stagione ed oggi la chiude assegnando la Coppa Italia, aspettando l'appendice della Supercoppa. Nella gara in programma nel pomeriggio al «Beretta» (fischio alle 16) non si replica dunque l'ultima finale scudetto (col Montemagno), ma forse si anticipa quella prossima (col Vignale di Samuel Valle). Semplici suggestioni tra le voci del tamburello mercato ed i risultati di quello giocato. Il campo che ha condannato il Montemagno nella semifinale disputata giovedì sera (16-9) premiando il Vignale che dopo aver visto sfuggire l'accesso ai play off scudetto può difendere la Coccarda tricolore di cui è detentore. L'ultima è stata forte la partita più segnata di tutte quelle vissute nella settimana di sfide sull'asfalto tonchese. La squadra della presidentessa Arazani ha superato un Montemagno che è apparso ancora zavorrato dalla delusione per la finale scudetto e non certo adatto nella configurazione a quattro giocatori. Monferrini in scioltezza in uno schieramento che bene sposa le caratteristiche dei suoi giovani. Tabellone sempre favorevole al Vignale che gira 2-1 e 4-2 trampolino netto (7-2) prima del terzo punto degli astigiani già distanti sul 9-3. Leggero recupero ma i ragazzi di Costanzo restano doppiati (10-5) per accorciare leggermente sul 12-8 ma con il successivo 40 pari vinto il Montemagno si ferma del tutto. Vignale infila un parziale di 4-0 e può festeggiare l'accesso alla finale, meritatamente conquistata dopo che aveva già battuto ai quarti di finale i padroni di Casa Paletti. L'incrocio Grazzano-Vignale in questa stagione si è ripetuto solamente nei due incontri della fase regolare con in entrambi i casi il successo colto da Fracchia e compagni pure se il Vignale riuscì comunque ad andare in doppia cifra (10 games su piazza Cotti e 14 al «Porro»). Match che era programmato nella prima giornata pertanto l'ultimo incrocio risale ad oltre tre mesi fa e, peraltro, la Coppa impone uno schieramento a quattro atleti con zona neutra di cinque metri e sulla distanza dei sedici games. Il Grazzano (vittorioso in semifinale sul Calliano) che non lascia scampo in campionato spesso ha alzato bandiera bianca in Coppa ma quest'anno pare determinato ad inseguire il "triplete" con la già certa partecipazione anche alla Supercoppa che si assegnerà il terzo week end di settembre. Parallelamente nelle finali nazionali open giovanili sui campi di Bresciano e Bergamasco si sono già spente le speranze tricolori dei boys under 18 del Piea dopo aver rimediato due sconfitte con Noarna (6-1 6-1) e Cavaion Peroni (6-4 6-3). Nel torneo femminile under 18 le campionesse uscenti del Monale si sono arrese alla mantovana Cavriana (6-5 6-4). Finale scudetto che è invece stata centratata dall'under 16 maschile del Cinaglio forte dei successi su Sporminore (6-1 6-5) e la veronese Cavriana (6-3 6-5). Poche chances per Cerro Tanaro nel torneo under 14 maschile dopo le sconfitte di misura sia con Noarna (10-8 al tie break dopo aver perso 6-3 e vinto 6-5 i set) che la veneta Negarine (10-8 ai trampolini supplementari, dopo aver perso il parziale 6-1 e conquistato il secondo 6-2). 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.