Grazzano: la nostra storia è già leggenda

L'esultanza per il tredicesimo titolo [foto Sergio Miglietta]

La nostra storia è già leggenda. Come dare torto ai grazzanesi dopo aver fatto 13, sette titoli sono arrivati dopo il ritorno alla base del predestinato Vittorio Fracchia che ancora si emoziona quando indossa la maglia dei suo paese, dopo aversi fatto le ossa fuori a partire da Moncalvo per sfiorare anche il titolo a Rocca, la piazza più calda del tambass. Per il prossimo anno confermata la coppia con Marletto, c’è empatia e un feeling totale. Successivamente il lavoro commerciale nella vinicola di famiglia con frequenti viaggi nello States potrebbe portare a scelte inevitabili. Il consulente di mercato Bruno Porrato è già in azione, in pole position il ritorno di Federico Belvisotti, ultimo quest’anno come Arrobio lo scorso. Il mancino viarigino è dato a Montechiaro con Tirico. Alessio Monzeglio ha annunciato il ritiro. Tutti ad interrogarsi sulla fenomenologia Grazzano, un paese opulento, inclusivo, globale con un riuscito mix tra quelli di sempre e i nuovi arrivati milanesi e torinesi e soprattutto unito. Lo si è visto nella velocità di liberare la piazza dalle sedie dopo la semifinale, piccoli dettagli con le persone giuste al posto giusto a fare la differenza. La dedica proprio a quelle persone che fanno il lavoro oscuro come Paolo, “Panucci”, Osvaldo, Raffaele, il sagrestano Giacomo con il suggestivo suono della campane a dare un tocco di magia. Ancora l’adrenalina di questa grande finale contro il temuto Montemagno a cui è sfuggito l’attimo fuggente di poter cambiare la storia. I tanti quindici di Massimo Savio un segnale che il gioco del fondocampo grazzanese non era ottimale. La musica cambia sul 5-7 e con un gioco più veloce, lungo ed anche molto sul largo la partita ha preso la piega indicata dai pronostici con l’affermazione per 19-11 in nemmeno tre ore di gioco trascorse piacevolmente pur con fasi non esaltanti, alla fine ha vinto chi ha sbagliato di meno. Il Grazzano dopo una partenza sorniona ha alzato il livello del gioco sfruttando la mobilità del mezzovolo specialmente alla rimessa. Spiccato il volo si è trasformato in una marcia trionfale non trovando più il Montemagno la forza di reagire. E’ quello che ha stupito i reduci della finale del 1987 Medesani, Mauro e Fabio Fracchia, Biletta, Marostica, De Luca abituati a battaglie concluse sul filo di lana. Dal fronte biancorosso onore ai vincitori anche se qualche gioco in più avrebbero potuto farli ed ora concentrazione sulla Coppa Italia di Tonco, un campo dove giocatori come Botteon e Molino si trovano a loro agio. La società per impegno e passione si merita un Coppa.

Agosto mese di Coppa Italia

Il tamburello d’agosto non va in vacanza anzi i vacanzieri vanno dal tamburello nelle terre dei Gonzaga prima nell’alto mantovano poi a Tonco. Nei campi di Guidizzolo, Cavriana e Castellaro è in corso la Coppa Italia open. Venerdì 9 e sabato 10 in notturna la serie B maschile: a Guidizzolo con Castiglione-Castelli Calepio e a Cavriana con Fontigo-Bardolino.
Domenica 11 agosto a Castellaro alle 16.30 la finale di B femminile e alle 21 la prima semifinale di serie A maschile dove il Castellaro attende l’Arcene. 
Lunedì 12 alle 16,30 a Guidizzolo la finalissima di serie A femminile tra Dossena e Tigliole ed in serata, a Castellaro, la seconda semifinale di serie A maschile con il Cavaion di Marchidan e Cavagna opposto al Solferino di Gozzelino e Valle.
Martedì 13 a Cavriana, in notturna, la finalissima di serie B maschile ed il 14 a Guidizzolo, sempre alle 21, gran finale con la serie A maschile.
La Coppa Italia del muro si gioca a Tonco da lunedì 19 ore 21 con Calliano e Montechiaro. Martedì l’esordio della formazione tonchese di Casa Paletti contro i campioni uscenti del Vignale. Mercoledì grande serata con la pallapugno tra la Canalese del decano dei battitori Bruno Campagno e Santo Stefano Belbo dell’astro nascente Gilberto Torino. Giovedì entreranno in scena i campioni del Grazzano contro la vincente della gara inaugurale, venerdì il Montemagno e la vincente del martedì. Domenica 25 alle 16 la finalissima. Il Bar Sport curerà il servizio ristoro. Dalle ore 17 anteprima con incontri giovanili.

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.