Intervista a Lorenzo Cardarelli (Asd Roma Tamburello MMXX)

A Roma nasce l'Asdt Roma tamburello, tanti i progetti per il futuro
Il tamburello punta ad espandersi nel centro Italia? E' difficile dirlo, ma c'è chi sta dando un contributo molto significativo a tutto questo. Stiamo parlando di Lorenzo Cardarelli, appassionato di tamburello laziale che di recente è riuscito a creare con l'aiuto dei suoi collaboratori una nuova società nella capitale ovvero l'Asd Roma tamburello. Con lui abbiamo fatto alcune considerazioni. 

E' nata una nuova società, quanto si è dovuto lavorare per ottenere questo risultato?

E' stato un percorso lungo e impegnativo. Da inizio 2020 stiamo pensando a come far nascere e come organizzare la nuova società. A causa di numerosi problemi abbiamo vissuto momenti periodi angoscianti amplificati dal Covid che ci hanno allontanato dai campi, ma non ci siamo affatto disuniti. Oltre al direttivo, tutti si sono dati da fare, seguendoci con entusiasmo in questa nuova avventura, assicurandoci la loro presenza e il loro impegno per il futuro. Non potevano certo abbandonare la palla tamburello dopo dieci anni di attività, caratterizzati dalla presenza nei campionato giovanili e negli ultimi anni nella serie B indoor. Abbiamo deciso pertanto di “rimboccarci le maniche” e fare qualcosa che fino ad un anno fa non avremmo mai pensato. Tutto questo per noi rappresenta una bella avventura. Amiamo il tamburello e non tolleriamo chi cerca di mettere i bastoni fra le ruote e boigottare qualsiasi iniziativa. Vogliamo farci conoscere nel panorama del tamburello. 

Credi che nella regione Lazio ci siano i presupposti per espandere ulteriormente questa disciplina?

Con il giusto impegno e tanta passione credo proprio di si. Noi, nel nostro territorio abbiamo fatto molto negli ultimi 10 anni, ottenendo risultati positivi. Avevamo iniziato quasi per caso con Francesco Arcuri, un professore di educazione fisica che ha fatto nascere il tamburello romano e laziale 15 anni fa. Ci ha insegnato i valori dello sport, trasmesso la sua passione e ci ha dato la possibilità di poter partecipare ai primi campionati nazionali giovanili. Da li ha avuto inizio il nostro percorso di crescita. Nel Lazio siamo l'unica realtà che pratica tamburello a livello agonistico. Le difficoltà ci sono perchè siamo costretti a fare trasferte lunghe e non abbiamo strutture adeguate ad ospitarci, ma nonostante tutto vogliamo andare avanti con il nostro progetto. Andiamo molto nelle scuole. Questo sport sa unire e creare nuove amicizie, come quella fra noi Lorenzo Cardarelli, Jacopo Frasca e Alessio Angeli. Andando nelle scuole cercheremo di far nascere un vivaio, cosa fondamentale per il futuro. 

A tuo giudizio come si fa a fare avvicinare i giovani a questa disciplina?

La presenza nella scuola è fondamentale. Vedendo questo sport dal vivo sono convinto che per i ragazzi sia più facile appassionarsi. E' poi importante fare attività perchè solo con la costanza si migliora e più si gioca più ci si appassiona 

In futuro parteciperete a qualche manifestazione, nell'indoor o nell'open?

Sicuramente l'indoor è prioritario. Entro il 10 ottobre formalizzeremo l'iscrizione al campionato di serie A maschile e femminile. Puntiamo anche alla creazione di una squadra di serie B. Finito l'indoor ci dedicheremo anche all'open. Con l'open i nostri atleti potranno affinare la loro tecnica e migliorare ulteriormente. Vorremo fare anche una squadra di serie C che partecipi al campionato del centro Italia. 

Per chi volesse avere ulteriori notizie sulle nostre iniziative rimando ai social, alle nostre pagine facebook: asdromatamburellommxx oppure su instagram@romatamburello.

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.