Il parere delle giocatrici Desiree Fiorini, Arianna Calliari, Alessia Castellan, Giada Fontana e Matilde Biasiol

Come stanno vivendo i giocatori di tamburello, questo delicato momento causato dal Corona Virus?

Questa settimana lo abbiamo chiesto alle rappresentanti del "gentil sesso". Queste le dichiarazioni di Desiree Fiorini nella scorsa stagione in forza al Patone in serie B. “Quest'anno iniziavo una nuova avventura ad Aldeno. Ero molto carica, francamente non vedevo l'ora di riprendere. Non giocare, non potersi allenare devo dire che è veramente molto dura. Spero che questa situazione finisca il prima possibile e che si possa tornare a giocare”. Arianna Calliari fondocampista del Mezzolombardo. “Non avrei mai pensato si arrivasse ad una situazione cosi delicata. Mi manca giocare a tamburello, mi mancano le mie compagne e il tempo condiviso con loro. Io e la mia squadra, come le altre che partecipavano al campionato indoor, non abbiamo avuto modo di poter concludere le finali per l’assegnazione dello scudetto in febbraio e mai avrei pensato che la situazione potesse peggiorare cosi tanto. Rimaniamo comunque positivi. Speriamo che tutto si risolva al più presto per poter tornare a calpestare di nuova la nostra terra rossa “. Questo il commento di Alessia Castellan ex Mezzolombardo e neo acquisto della matricola Segno. “ È la prima volta che sono ferma con il tamburello per un periodo così lungo. Mi manca molto giocare e mi sono resa conto ancora di più dell'importanza che ha per me questo sport. Quest'anno sarebbe anche iniziata la mia prima esperienza in una nuova società, con un nuovo gruppo di ragazze, con le quali non vedevo l'ora di cominciare questa nuova avventura. In questo momento, però è molto importante tutelare la nostra salute e quella degli altri. Sono sicura che se ci impegniamo tutti insieme, come una vera squadra, riusciremo a vincere questa "partita" e ritornare presto sui nostri amati campi”. Giada Fontana (Mezzolombardo), “gli altri anni era un bel periodo perchè si iniziava a giocare, adesso stiamo vivendo un momento molto delicato, anche se mi dispiace non giocare, devo dire che è giusto fermarsi, perchè la salute delle persone è più importante dello sport. In conclusione Matilde Biasiol del Patone. “Non è facile, perche è cambiato il modo di vivere, non solo non si può giocare, ma non si può nemmeno uscire e avere contatti con le persone. Il momento è delicato, cerchiamo di andare avanti fiduciosi, sperando di tornare presto alla normalità.”

 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.