Fondazione Mermet acquista lo sferisterio per 700 mila euro

Una storica immagine del «Mermet»: costruito nel 1857 è fra gli impianti sportivi più antichi d’Italia. 

Ieri ad Alba confermato il passaggio di proprietà “Impianto da recuperare anche per manifestazioni”

PRESENTATI I DETTAGLI DELL'OPERAZIONE

Lo sferisterio Mermet, uno dei più antichi impianti sportivi italiani (è sorto nel 1857), sta per rinascere a nuova vita. La storica struttura in pieno centro di Alba, destinata al gioco della pallapugno da un lascito della famiglia Mermet, dopo vicende complicatissime, polemiche, tentativi di speculazione edilizia, ritardi frustranti e delusioni, è tornato a disposizione della città. È stato acquistato dalla Fondazione Sferisterio Mermet costituita per salvare l’impianto che rischiava una fine ingloriosa.
Ieri i promotori del «salvataggio», nella Sala Riolfo del Palazzo della Maddalena, hanno spiegato le modalità dell’acquisto perfezionato mercoledì scorso, 28 novembre, nello studio di Roberto Berzia. La data rimarrà indelebile nelle menti degli appassionati albesi di balon. L’ultimo proprietario, Giovanni Toppino, dopo una lunghissima trattativa interrotta e ripresa più volte, l’ha infine ceduto alla Fondazione (alla quale si può ancora aderire) di cui fanno parte il Comune di Alba, la Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo e molti privati. In prima fila il notaio Vincenzo Toppino che aveva tempo fa lanciato l’idea di comprare il Mermet per donarlo ai suoi concittadini. 
Settecentomila euro il prezzo pagato per l’acquisto, 200 dei quali stanziati dal Comune di Alba, altrettanti dalla Fondazione Crc e 300 dal notaio Toppino (al quale «il più tardi possibile» sarà sicuramente dedicato l’impianto). «Non ci fermiano qui - ha detto Franco Drocco presidente della Fondazione Sferisterio Mermet -. Vogliamo ristrutturare l’impianto perché la pallapugno fa parte della nostra cultura e per recuperare uno spazio anche per altre manifestazioni culturali e turistiche (Macerata, con la sua stagione lirica, docet). 

«Trattativa complessa»
Il sindaco Maurizio Marello ha confermato che la trattativa, alla quale ha partecipato pure lui in alcuni momenti delicati, è stata lunga e complessa, «ma ora siamo di fronte a un nuovo inizio. Ringrazio tutti coloro che si sono dati da fare per la riuscita dell’impresa e soprattutto il notaio Toppino promotore dell’iniziativa». Durante la riunione è stato presentato il libro di Nando Vioglio, lo storico del balon, «Mermet dal 1857 patrimonio dell’Albesità».

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.