Nomesino festeggia 50 anni di vita

Traguardo importante per la piccola società grestana. Presente anche il presidente della Federazione Edoardo Facchetti (fotoservizio a cura di Laura Fadanelli)

Cinquanta anni di vita possono sembrare un traguardo difficile da raggiungere, ma non è cosi. Sabato sera a festeggiare mezzo secolo di storia e di vita è stata la società del Monte Faè Nomesino, piccola frazione del comune di Mori, situata in Val di Gresta. Un risultato importante, frutto di tanto lavoro e impegno di cui il tamburello trentino e nazionale possono essere veramente orgogliosi. Vista l'occasione cosi importante erano presenti autorità istituzionali e sportive. In rappresentanza dell'amministrazione comunale, il primo cittadino di Mori Stefano Barozzi. Fra le autorità sportive la presidentessa del comitato provinciale di Trento Monica Morandini, il presidente della federazione nazionale Edoardo Facchetti e il vice presidente Andrea Fiorini, oltre naturalmente al presidente del sodalizio grestano Aldo Agnoli che ricopre la carica da ben 23 anni. A fotografare l'evento Remo Mosna e Laura Fadanelli, quest'ultima membro della commissione nazionale storia, cultura e documentazione della federazione. Come relatore della serata Andrea Beltrami, grande appassionato di tamburello. Tutte le autorità invitate nel loro intervento hanno sottolineato lo splendido risultato ottenuto dalla società grestana. Stefano Barozzi sindaco del comune lagarino commenta così l'evento.” Per una piccola borgata di sole 100 anime, direi che si tratta di qualcosa di veramente straordinario, non posso fare altro che fare i complimenti alla società.” Il presidente Aldo Agnoli in futuro si augura che ci siano tanti giovani che entrino a fare parte del direttivo e soprattutto qualcuno che si candidi a guidare la società, perchè dopo 23 anni un cambio è sempre utile. Ha proseguito il presidente per andare avanti servono nuove leve e nuove energie.” Ha preso poi la parola Edoardo Facchetti, presidente della Federazione italiana palla tamburello. Anche il presidente federale ovviamente ha voluto fare i complimenti alla società grestana. “Per me essere qua questa sera è un dovere. Onorare una società che compie 50 anni di vita mi fa molto piacere”. Monica Morandini nel suo discorso ha voluto sottolineare quanto lo sport sia importante per la crescita dei giovani e non solo e si è auspicata che non ci siano abbandoni, fenomeno in netto aumento. Lo sport serve per consolidare i rapporti. Nel corso della serata Saveria Martinelli, persona sempre vicina alla società ha voluto ricordare Saverio Rizzi, primo presidente del Nomesino. Alla fine della serata Andrea Beltrami ha voluto ricordare in un modo diverso dal solito le persone che tanto hanno dato e fatto per la società e che non ci sono più, non con un minuto di raccoglimento, ma con un applauso. Alla fine hanno preso la parola le persone che hanno fatto la storia della società, ognuno ha raccontato qualche episodio piacevole che ricorda ancora oggi molto volentieri. Il messaggio della serata di sabato è quello di far capire che con la costanza e l'impegno, anche risultati come i 50 anni di vita si possono raggiungere e Nomesino da questo punto di vista è solo da lodare e anche da imitare.

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.