Il tamburello piange l’ex campione Felice Negro

Il mondo del tamburello si unirà commosso stamane per dare l’addio a Felice Negro, 71 anni.

L’apice della carriera è datata 1972 con Svab Castell’Alfero di patron Vigna e capitan Casalone che regalò il primo scudetto open all’Astigiano. Perito chimico Negro è stato un grande sportivo: calciatore prima di passare agli sferisteri dove divise gli appassionati per un carattere focoso che non metteva in secondo piano innegabili doti di potenza e determinazione. Una carriera spesa tutta in Piemonte, prima a Montechiaro (1967) passando per Tonco, Cocconato, Murisengo, Cremolino, Antignano, Asti, Vigliano, Vignale e Nizza con cui nel 1986 si laureò campione nazionale di B ed ancora Castellero, Monale e Villadeati e Cunico. Da non dimenticare l’avventura nella pallapugno come buona spalla nelle file della Monferrina. Funerali a Cocconato nella chiesa parrocchiale (alle 10,30): la salma sarà tumulata a Tonco, suo paese d’origine 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.