Coppa Europa 2018 open

La Coppa Europa edizione 2018 si è conclusa con un finale amaro.

Durante la finale maschile, tutta italiana fra Castellaro e Cavaion, il giocatore trentino di Noarna, punto di forza del Castellaro Manuel Festi è uscito dal campo, con la sua squadra che stava vincendo per 5-2, causa un brutto infortunio. Il mezzovolo del Castellaro nel tentativo di recuperare una pallina ha sbattuto violentemente contro un muretto, cadendo subito al suolo. La gara è stata subito fermata. Ci sono stati attimi di grande tensione e paura. E' intervenuto l'elicottero per trasportare il giocatore in ospedale. I giocatori delle due squadre scossi per quanto capitato al loro compagno hanno deciso di non proseguire la gara. L'aspetto umano ha prevalso su quello sportivo – agonistico. 

Non si sa, se la gara verrà recuperata. Nei prossimi giorni la Federazione deciderà sul da farsi. Al giocatore va comunque l'augurio di una pronta guarigione e di un rapido ritorno sui campi. Oltre alla Coppa Europa si è svolta anche la Fibat Cup (1° edizione), torneo dedicato a squadre di club. A vincerlo la quadra di casa del Rallo. A questa manifestazione hanno preso parte anche la spagnola Madrid, la francese Aniane e la catalana Marina. La squadra trentina ha vinto tutte e tre le gare, superando nell'ordine Madrid, Marina e Aniane. In virtù di questi risultati, Alessandro Odorizzi e compagni hanno chiuso in vetta a punteggio pieno e nella finale per il primo e secondo posto hanno avuto la meglio sulla francese Aniane, confermando tutta la loro supremazia tecnica. 

Tornando alla Coppa Europa, l'edizione 2018 si può definire decisamente amara in campo femminile per le formazioni italiane. Le due partecipanti, le astigiane Tigliolese e Pieese sono state sconfitte in semifinale sabato rispettivamente da Cournonseac e Notre Dame de Lordes. Un risultato che certo non può essere considerato soddisfacente, visto il potenziale delle squadre di Alessandra De Vincenzi e Piero Gozzelino, sicuramente attrezzate per vincere la competizione. Nella finale tutta francese il Notre Dame, vincendo ha conquistato il trofeo per la terza volta, dopo i successi del 2001 (prima edizione) e 2013. La Tigliolese nella semifinale ha giocato male. Gaia Zai e compagne hanno sentito troppo l'importanza della gara e della manifestazione. La Pieese è stata protagonista di una bella rimonta dal 9-3 al 9-9, poi però Elisabetta Belussi e compagne non sono riuscite a sorpassare le rivali transalpine. 

Negli ultimi quattro anni la Coppa Europa in campo femminile si era conclusa con il successo dell'astigiana Settime. Questa manifestazione per i colori azzurri, non sarà certo da ricordare. Per quanto riguarda le due partecipanti la Pieese si congeda cosi da un'annata non certo esaltante, mentre la Tigliolese ancora in corsa nei play off a questo punto deve concentrarsi sull'obiettivo campionato. Cecilia Dellavalle e compagne domenica per riscattarsi dovranno mettere ko il San Paolo D'Argon, compagine contro la quale in questa stagione hanno ottenuto solo dispiaceri. Per arrivare alla finalissima di Faedo sarà necessario invertire questo trend. Un eventuale successo sarà sicuramente da dedicare alla loro compagnia di squadra Clarissa Amerio, in dolce attesa e quindi per un po' di tempo lontana dai campi di gioco. 

Il riscatto azzurro è avvenuto in campo maschile. Le squadre italiane si sono imposte su quelle transalpine. Il Castellaro aveva battuto il Cazouls d'Herault per 13-6, soffrendo solo nelle battute iniziali della gara, prima di prendere in seguito il sopravvento sulla formazione avversaria. Sabato sera netto successo del Cavaion contro il Vendemian (13-3). Gara decisamente a senso unico. Nella giornata di domenica le finali. In campo femminile la Tigliolese conquistava il terzo posto, la Pieese chiude al 4°. Successo come già detto del Notre Dame de Londres. 

In campo maschile, terzo posto per il Cazouls d'Heralut che nella finale di consolazione ha superato il Vendemian. In chiusura della manifestazione la finale maschile fra Castellaro e Cavaion. Incontro piacevole fino all'ottavo gioco, poi la sospensione per l'infortunio di Manuel Festi.

Il tamburello tornerà protagonista il prossimo fine settimana, ma con ci sarà un grande campione, capace di appassionare gli amanti di tamburello, con i suoi 15 ovvero Manuel Festi. Tutto il mondo del tamburello si sta stringendo intorno al campione di Noarna e alla sua famiglia. Dai primi controlli la situazione appare comunque positiva. Il giocatore si trova all'ospedale Santa Chiara di Trento sotto controllo. 

Alla fine della manifestazione non si sono svolte come di consueto le premiazioni. 

Al di la dell'epilogo della manifestazione in Val di Non nel fine settimana si sono viste gare di tamburello decisamente piacevoli. 

Da menzionare anche l'ottimo operato della classe arbitrale. Le partite della Coppa Europa sono state riprese da Giuseppe Baldini e commentate dall'ufficio stampa della federazione, rappresentata anche dal presidente Edoardo Facchetti, dal segretario Maurizio Pecora, da Roberto Caranzano nella sua veste di presidente della commissione tecnica federale. 

 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.