Festa di fine stagione 2019 per il Cereta

FOTO DI GRUPPO DELLA PARTECIPATA CONVIVIALE DEL CERETA

Luigi Bertagna per svariati anni giocatore nella massima serie prima di trasformarsi in allenatore e presidente di società prendendo le redini del Cereta dall'indimenticabile Romeo Carnevali ha pure ottime doti di intrattenitore esibite nella festa di fine anno presso le Scuderie di Palazzo Gonzaga sede comunale di Volta Mantovana.

Con la condivisione della moglie Emanuela ha puntato forte sull'attività giovanile macinando chilometri lungo lo stivale per farli fare esperienza ed ora che i figli Lorenzo ed Enrico brillano di luce propria nella corazzata Arcene l'avventura prosegue con tanti altri volenterosi ragazzi. La società del Cereta ha festeggiato il 52esimo anno di attività impreziosito dalla prima storica partecipazione alla serie A in cui non è mancato l'orgoglio e la determinazione tipica delle piccole quando provano a cimentarsi in missioni impossibili vedasi il Frosinone ed il Benevento nel calcio, qualcuno storce il naso ma questo è il bello dello sport nel gusto di confrontarsi con i più forti. 

Serviva un miracolo sportivo non materializzatosi ai ragazzi di Giuliano Crotti coadiuvato da Luigino Bertagna e il diesse Adolfo Negri con Michele Pettenati, Andrea Moratelli, Mattia Cristani, Diego Bertagna, Ottavio Mascoli, Manuel Botturi, Luca Sorio ma i 3 punti conquistati non rendono giustizia al gioco espresso riuscendo in certi frangenti a mettere in difficoltà compagini ben più attrezzate uscendo dunque a testa alta e con onore.

Le conviviali delle società mantovane ha un format simile con l'immancabile lotteria essendo la grande occasione per ringraziare la vicinanza di chi ha lavorato dietro le quinte dai tecnici, ai collaboratori volontari, agli sponsor indispensabile per portare avanti un progetto così ricco ed articolato, ai dirigenti ed amministratori locali ben consci dell'importanza della pratica sportiva nelle piccole ma genuine realtà.

Tempo di bilanci: i pulcini hanno fatto una buona stagione, considerando che per molti è stato il primo anno di attività; gli esordienti al primo anno di attività si sono fatti rispettare sia indoor sia open. Gli atleti della categoria giovanissimi hanno vinto il titolo provinciale, regionale arrivando quarti alle finali nazionali e secondi nel Trofeo CONI kinder.

Nell'attività senior la serie D al primo anno con l'inserimento dei giovani insieme a giocatori più navigati come Giorgio Stefanoni hanno centrato un sorprendente terzo posto provinciale mettendo in luce alcune qualità di gioco interessanti. Il primo anno di serie A - come detto - è stato durissimo. L'impatto è stato forte ma la squadra ha tenuto duro nonostante i risultati, l'impegno no è mancato e vanno ringraziati per la loro professionalità. 

Ora si volta pagina in cadetteria per una pronta risalita con nomi di grido come Massimo Teli e Nicola Zandonà, altri più giovani come Nicolò Gallina da integrare con le promesse del vivaio.

 

 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.