Presentazione Montemagno 2020

IL MONTEMAGNO. QUALCOSA DI GRANDE. L'ANALISI DI ANDREA COSTANZO. LA LAZIO DEL TAMBASS, PAROLA DI PAOLO MONACA
Ero a Montemagno l’ultimo venerdì di mobilità prima delle restrizioni per la nota emergenza. Davanti al bar di Griffi sede naturale di ritrovo degli appassionati monferrini il solito dibattito colorito su quanto poco aveva permesso di far vedere il campo con pronostici in controtendenza rispetto ai lodati Montechiaro e Casa Paletti puntando su Calliano e Portacomaro con la vecchia conoscenza Luca Stella. Una provocazione per alcuni, magari dovuta alla loquacità del patron, quella di ricominciare da dove si era finito con Grazzano-Montemagno ovvero come mettere Juve-Inter la prima giornata.
 
Un’opportunità invece per il tecnico Andrea Costanzo, magari a freddo ci poteva stare il colpaccio. Il discorso con l’allenatore volge subito sull’attualità e le difficoltà del momento dove le sorti del torneo a muro diventano l’ultimo dei pensieri. Si dovrebbe partire entro maggio per farlo tirato con la solita formula e finirlo nei tempi giusti sfruttando il mese di settembre sperimentando così un’idea che ha sempre trovato parecchi sostenitori e potrebbe richiamare tanto pubblico anche se vi sono tanti altri eventi da tenere conto. Se non fosse possibile cominciare entro maggio l’unica alternativa sarebbe fare dei piccoli tornei nei nostri paesi stile l’apprezzato Memorial Vanni Pesato e poi fare delle classifiche come avviene nel tennis. 
 
Fino a che l’arbitro non fischia ci affidiamo alle impressioni. La buona novella del muro è nella possibilità di ripartire con celerità facendo parte della tradizione e avendo gli spettatori vicini alle piazze comodi da stimolare. I giocatori pur facendo un po’ di preparazione in casa necessitano di due-tre settimane di rodaggio per il pronti e via anche per evitare spiacevoli infortuni. 
 
La forza di questo Montemagno è forse proprio quello di non essere citato nei pronostici dei soliti saccenti. Un po’ di amarezza traspare dalle parole di Costanzo dicendo che la squadra andrebbe bene pure nel 2021 essendo un progetto non di corto respiro su cui insistere non dovendo sempre stravolgere le squadre.
 
Le sensazioni erano ottime a cominciare da una bella preparazione in palestra a cura di Alessandro Poncini, atleta umile e preparato, trovando presto la giusta intensità  pur essendo una squadra nuova da assemblare.  Il punto di forza è in un gruppo di ragazzi che già si conoscevano avendo pressapoco la stessa età e già un buon vissuto tamburellistico così da trovare una buona amalgama.
Poche le amichevoli disputate giocando prima soprattutto a libero sia a Castell’Alfero stazione e sia nel campo a libero di Montemagno per poi iniziare le sfide tra i bastioni. Appena si è posto il problema l’attività si è subito fermata non essendoci più le squadre da giocatori del paese.
 
A onor del vero è tornato all’ovile un giocatore locale il talentuoso Elia Volpe che dopo aver maturato una bella esperienza a Vignale è pronto a trainare l’armata biancorossa e far sognare la tifoseria vent’anni dopo il trionfo di Filippo Nobile. Al suo fianco Luca Lorenzin già ribattezzato dai nostalgici il nuovo Aldino Carretto avendo potenza e precisione magari rinverdendo i fasti del titolo con Emilio Medesani e Giancarlo Marostica, quest’ultimo da sempre legato al paese si rimette in gioco come super consigliere mettendo la sua grande esperienza al servizio della squadra. E’ più corretto dire il nuovo Lorenzin senza paragoni ingombranti per un giocatore che darà parecchie soddisfazioni facendo intravedere una notevole sicurezza nel paleggio.
In mezzo ancora l’irruenza di Riccardo Molino da cui si attende sempre maggior maturità e continuità. Garanzie anche in prima linea con Massimo Savio il re dei terzini a muro ed al largo l’azzanese Andrea Carretto anche lui reduce dall’apprendistato a Vignale. Scalpita il sesto il polivalente callianese Isolino Inquartana.
 
Mozione d’affetto per Alberto Botteon  ancora tesserato per tenerlo legato al tamburello ed al paese in cui ha dato tanto riportandolo ai vertici con la finale di Coppa Italia e vittoria nella regular season nel 2018 e la finale scudetto 2019  ma sarebbe complicato vederlo in campo in quanto bisognerebbe stravolgere la squadra.
 
A parte il grande ritorno di Marostica tutto nel segno della continuità con i medesimi sponsor e dirigenti della scorsa stagione per quello che continua ad essere un progetto ambizioso di un paese appassionato e determinato a rimanere nei quartieri alti con obiettivi mirati e programmazione a lungo termine.
 
Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente giocatore Paolo Monaca: "Ripartiamo con grandi ambizioni dopo la finale del 2019, è stato bello tornarci dopo 19 anni, perdere ci è servito da lezione ma siamo pronti a ritornarci. Peccato che le testate giornalistiche ci sottovalutino, saremo la Lazio del tambass".
 
ADTM MONTEMAGNO
 
DIRIGENTI 
Presidente: Monaca Paolo
Vice: Griffi Giulio
Segretario e Direttore Tecnico: Costanzo Andrea
Direttore Sportivo : Marostica Giancarlo
Consiglieri : Fantino Gino, Monaca Giovanni, Martinetti Piero, Costanzo Giovanni
Massaggiatore : Oldano Bruno
Addetto dae : Sandalo Claudio
Guardalinee : Musso Daniele
 
SERIE A : Volpe Elia, Lorenzin Luca, Molino Riccardo, Savio Massimo, Carretto Andrea, Inquartana Isolino, Botteon Alberto, Marostica Marco
 
Sempre attenta alla causa del settore giovanile la società astigiana parteciperà al Torneo dei Borghi-Serie D con una giovane multinazionale del tambass, schierando sullo Sferisterio Oreste Lombardo i seguenti giocatori : Alessio Manni (2001) , Elaraby Brahim (1999), Marko Shoti (2005), Denis Shoti (2006), Alessio Shoti (2006), Mattia Volpe (2007) e Jonas Pazurek (2006). Direttore tecnico ed utilizzabile in campo Monaca Paolo.

L'attività giovanile prevederà anche la partecipazione in tandem con il Castell'Alfero nei tornei under 14 open e muro. Montemagno patrocinerà la causa nel Campionato a muro. Proseguirà anche la collaborazione con il Centro Estivo.

SPONSOR : Mondino gas, Balestrero acque minerali, Caffe Costadoro, Rooster's Pub, Bar un posto pulito illuminato bene, Termoidraulica Monaca 

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.