Dossena alza la Coppa Italia della serie A femminile. Battuto il Tigliole

Coppa Italia serie A femminile.

DOSSENA: LA COPPA E’ TUA. BATTUTO AL TIE-BREAK IL TIGLIOLE

DOSSENA-TIGLIOLE 2-1.

PARZIALI: 5-6,6-4; t.b. 8-6.

DOSSENA: B. Zeni, Baldo (Donadoni), C. Zeni, Cavagna, Bonzi, Trionfini. Dt. Mogliotti. 

TIGLIOLE: Zai, Gozzelino, Dellavalle, Arisio, Caranzano, Pescarmona, De Vincenzi. Dt. Basso.

ARBITRI: Brunelli (centrale), Merigo, Fraccaroli, Sogliani.

NOTE - 1 ° set: 1-1, 1-3, 3-3, 4-4, 5-5, 5-6; 2° set: 0-2; 1-3; 3-3; 4-4; 6-4. T.b. 1-1; 2-2; 2-4, 8-6. Pari 40: 7-4. Durata 160’.

CAVRIANA (MANTOVA) – Bergamo regina nelle fasi finali di serie A e B maschile femminili di Coppa Italia terminate martedì, vigilia di Ferragosto, su tre campi mantovani. Due su quattro i successi conquistati da squadre orobiche, un record che non ha uguali in passato, almeno per quanto riguarda i nostri club. Dopo quello nella serie cadetta maschile ottenuto lunedì dal Bonate Sopra battendo l’Arcene in una finale tutta orobica, nella tarda serata dell’ultima giornata, il Dossena ha fatto suo il trofeo della massima categoria femminile piegando al tie-break le campionesse d’Italia del Tigliole. Una sfida bella, combattuta con ptolungata intensità agonistica dalle squadre nonostante una fastidiosa pioggerella nella parte iniziale. 

Le brembane hanno perso il primo set per 5 a 6 all’ultima contestatissima (troppo) pallina di uno degli undici 40 pari della partita, vinto il secondo per 6 a 4 e poi steso le avversarie aggiudicandosi gli extra quindici per 8 a 6 dopo una parziale negativo di 2 a 6. Una rimonta micidiale che ha avuto l’effetto di annientare le ultime forze delle scudettate e viceversa, di esaltare ancor di più la loro determinazione e la “voglia” di successo.

Nel primo set hanno commesso qualche fallo di troppo negli scambi sulla lunga distanza e il punteggio l’ha rimarcato. La chiave di volta dell’incontro è stata la scelta attuata all’inizio del secondo set dall’allenatore Mogliotti, di sostituire una imprecisa Germana Baldo per far posto a Monia Donadoni al fianco di Chiara Zeni a fondocampo e di far avanzare nel ruolo di mezzovolo una stupenda Beatrice Zeni. A quel punto le brembane hanno contrastato con maggiore effetto le velleità del Tigliole e dopo vinto il secondo set, hanno sferrato il colpo del “kappaò” mettendo a segno ben sei conclusioni consecutive nello scampolo finale dell’elettrizzante tie-break.

Detto della perfetta prestazione di Beatrice Zeni (migliore in campo), da rimarcare anche quelle positive di tutte le altre brembane in una serata che sarà ricordata a lungo da tutte, come dai tantissimi tifosi al seguito entrati subito in campo a festeggiare la squadra.

Non sempre all’altezza della gara invece. la direzione dell’arbitro centrale non tanto nelle decisioni relative allo sviluppo del gioco, ma nel far rispettare il proprio ruolo.  

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Meteo

giweather joomla module

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.