L’Alegra Settime a valanga senza rivali in Italia e in Europa

La rosa confermata in blocco dal presidente Alessandro Grassi

Dalla delusione della prima partita alla gioia dell’ultima valsa l’ennesimo trionfo. L’Alegra Settime si conferma «pigliatutto» nel massimo campionato in rosa mettendo a segno l’en-plein con un poker di successi: dalla Coppa Europa in primavera allo scudetto ed alla Coppa Italia fino alla Supercoppa, seconda consecutiva. 

E la rosa dovrebbe essere confermata in blocco dal presidente Alessandro Grassi anche per la prossima stagione quando si rinnoverà il confronto tutto astigiano con il Tigliole, sempre rivale delle campionesse in tutte le finali tra i confini italiani. Eppure l’annata era iniziata con un’inaspettata resa alla prima gara della serie A. «E qualcuno a darci subito per spacciate» ricorda Jessica Gozzelino nell’analisi che saluta un’annata trionfale ma tutt’altro che semplice. «Soprattutto per me, dovendo ricreare nuovi equilibri e una squadra. Valorizzare le caratteristiche di ogni compagna, conoscersi sportivamente ed essere unite per superare le difficoltà.

Dopo la prima partita il vero inizio: allenamenti, discussioni e divertimento con la consapevolezza di non avercela mai fatta perché abbiamo sempre trovato di fronte forti avversarie» ricorda la mezzovolo che domenica nella sua Piea ha levato al cielo il nuovo trofeo con papà Piero, per il primo anno sulla panchina de L’Alegra. «Quattro vittorie differenti e tutte belle anche se quella più grande personalmente è quella di sapermi emozionare prima di un incontro e avere una grinta immutata» conclude Jessica Gozzelino.

Da sempre protagonista dei successi della squadra di Settime è la capitana Antonella Negro che dopo la festa per la Supercoppa si interroga sul proprio futuro agonistico. «A fine stagione ha il sopravvento la stanchezza ma in primavera torna sempre l’entusiasmo. C’è la volontà di essere ancora in campo anche nel 2018 e magari nel 2019 cedere il testimone a mia figlia Ludovica che ora ha 14 anni» commenta la terzina. «Rispetto alla stagione precedente c’era un gruppo mutato e soprattutto un tecnico nuovo, Piero Gozzelino che con la sua presenza costante ci ha saputo amalgamare, trovando sempre le parole giuste per spronarci a dare il meglio in campo» prosegue Negro, tornata titolare nella Supercoppa dopo aver ceduto spazio nella precedente finale di Coppa Italia. «E’ giusto che tutte le atlete della rosa abbiamo il giusto spazio, non siamo professioniste e l’impegno non fa distinzioni tra titolari e riserve» conclude la capitana. Forte dell’ennesimo poker Antonella Negro è pronta a svelare qualche segreto da terzina al marito Luca Stella che nel ruolo, per lui inedito, si appresterà a vivere la prossima stagione nella A del muro col Montemagno.

Dona al sito Tambass.org
E dai, offrimi un calice di vino!
Siate generosi, per favore

Login

Meteo

giweather joomla module

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui Cookies e su come disabilitarli, potete visitare la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i Cookie da parte di questo sito.